Accadeva che : Giovananza e Ostinelli dominano le rispettive categorie

In Tennis Ticinese (Anno 2 – Numero 12, marzo 1978) redata dai signori Renzo Rezzonico e Oliviero Mellini appariva l’articolo qui di seguito...

Isabella Giovanzana e Giovanni Ostinelli dominano Le rispettive cattegorie
Rispettati i pronostici al Premio “Rivista Tennis Ticinese”

La partecipazione alla terza edizione del Torneo Rivista “Tennis Ticinese” può senz’altro essere definita buona. Anche in campo femminile abbiamo notato la presenza di 14 concorrenti (tra queste molte giovani), un numero ragguardevole trattandosi di un torneo invernale.

Isabella Giovanzana ha largamente dominato come era facilmente prevedibile.
È apparsa abbastanza sicura anche se lenta nel mettersi in moto. Infatti ha sempre faticato a carburare nel primo set. Peccato che l’assenza di giocatrici di cat. Superiore, come la Beccherini e la neo promossa Mariotta, non abbia permesso un confronto.

Denise Manfrini di Agno, giocatrice di cat. C. è stata la rilevazione del tabellone femminile. Ha giocato molto bene contro la Korfmann vincendo in tre sets, ed ha sconfitto poi, ancora in tre sets la Schrämli.
In finale ha opposto una sorprendente resistenza nella prima partita, ma ha poi dovuto cedere il passo alla più completa Isabella. Delle giovanissime vi è poco da dire. La Jorio, la Galli e la Benvenuti non sono riuscite a tenere il passo delle avversarie e occorre quindi attendere altre occasioni per poterle valutare.

L’assenza dal torneo dei tre giocatori di cat. Promozione non ha certo tolto interesse alla gara. L’unico neo sta semmai nel fatto di non aver potuto assistere ad una eventuale rivincita del torneo di Chiasso tra Ostinelli e Cocchi, oppure dei “ticinesi” fra Cocchi e Ruch.

Il tabellone, completo di 32 elementi, presentava comunque numerosi motivi di interesse. La testa di serie No. 1 Ostinelli, brillante vincitore del Torneo Ristorante Antico, sembrava non essere in buone condizioni fisiche. Reduce da una noiosa e debilitante influenza il giocatore di Vacallo aveva dovuto cedere prematuramente a Locarno in occasione dei Campionati Cantonali. Anche durante le prime gare Giovanni non ha certo dato l’impressione di essere al meglio. Ma poi è riuscito a riprendersi. Ha vinto alla forte. Ha letteralmente distrutto ogni velleità della rivelazione Trincavelli. Questo comasco, figlio di ben noto Nino, gioca per il TC Chiasso ed è ancora “junior”. Era riuscito a battere in semifinale Bertini e Massimo Roy nei quarti. Ostinelli aveva dovuto sbarazzarsi di Bacchi-Mellini il giocatore di Luino che ha una classifica di B1. Anche il giocatore di Vacallo aveva dovuto però faticare per tre partite prima di spuntarla.

Buona la prova di Bertini “bestia nera” di Mazzucchelli, eliminato nei quarti. Fra i giovani son da segnalare Zennaro e Stucchi. Il primo per aver superato con facilità il locarnese Nicola Bianchetti, invero fuori forma, ma pur sempre un cat. B e l’altro per aver sconfitto il B1 “senior” Maier, in tre partite.

La finale, come il risultato indica chiaramente non ha avuto storia. Ostinelli è salito regolarmente a rete e non ha lasciato scampo all’avversario. Quest’ultimo, dotato di un buon rovescio è però apparso molto carente di diritto. Su questo il giovane di Como è molto vulnerabile in quanto colpisce troppo frontalmente ed è molto rigido sulle ginocchia. Vista l’inutilità dei suoi sforzi ha rinunciato troppo presto alla lotta. Siamo però sicuri che sentiremo ancora parlare di lui in quanto con un minimo di impegno, ha tutte le carte in regola per essere un pericoloso cliente almeno nell’ambito dei B1.

Possiamo quindi concludere dicendo che è stato un bel torneo, giocato all’insegna della massima correttezza e sportività. Sono mancate un po’ le finali. Infatti su quattro set vi sono ben due 6-0 e un 6-1. Due gare conclusesi nello spazio di poco più di due ore palleggio e convenevoli compresi.

Oliviero Mellini