Mickey Rooney

Rooney e Tilden

Il leggendario attore americano è stato ricordato dallo scrivente in un precedente articolo, quale personaggio hollywoodiano campione di longevità tra i VIP della racchetta. Per quanto, viste le circostanze, non potrà essere certamente lo scrivente a narrarne il valore biografico: la notizia della morte del Divo, e scusate se non trovo aggettivo migliore, in queste ore sta intasando la rete internet.

Hackett & Rooney: immagine tratta dal film “Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo”

Il mio piccolissimo contributo commemorativo per la sua morte è dato dal fatto che lo ricordo bene nella sua interpretazione di un film, per me indimenticabile: “Questo pazzo, pazzo, pazzo,pazzo mondo”, esilarante commedia del 1963 che ormai avrò visto decine e decine di volte, instancabilmente sempre con piacere, commedia riproposta anche in versione moderna pochi anni fa con il film “Rat-Race”. Altri, giustamente, lo ricorderanno per le sue interpretazioni in film di gran lunga più importanti. Da Oscar! Ma anche questo ne prese uno.

Nel mio immaginario, un attore di 93 anni, di cui 91 di carriera cinematografica, penso che se ne sia andato nel più cinematografico dei modi, scrivendo lui stesso la parola fine “The End” proprio come quando finisce un film. Infatti, nel 2014, Rooney era tornato sul Set per interpretare il film “una notte al museo 3” nel ruolo di "Gus" .

È attualmente sconosciuto se abbia completato le sue scene e se la sua morte influenzerà la produzione del film. Dalla notizia appresa in rete si legge che la morte è avvenuta sul set della sua ultima interpretazione.

Anche se la sua vita privata è stata costellata di divorzi, credo che un portatore di gioia come lui meriti il Paradiso.

Spero abbia con se la racchetta, qualcuno lassù l’attende già in ricezione...

Terry Thomas